STORIE SEGRETE DELLA STORIA DI PADOVA di Silvia Gorgi

25 Gennaio 2018 Associazione Alumni_admin Categories bacheca, Senza categoria

Alla libreria Mondadori Ipercity di Albignasego Venerdì 26 gennaio dalle 18:30, Silvia Gorgi (leggete la nostra intervista seguendo il link indicato), Alumna, scrittrice e giornalista padovana, presenta il suo secondo saggio sulla città del Santo. Dopo il successo di “Forse non tutti sanno che a Padova…” arriva il suo nuovo appassionante libro “Storie segrete della storia di Padova” (Newton Compton Editore) La presentazione sarà moderata dal critico d’arte Massimiliano Sabbion.

PADOVA PROTAGONISTA
Protagonista dell’opera è la splendida città di Padova, raccontata dall’autrice attraverso simboli, leggende, volti e ricordi del passato, alla scoperta di storie segrete e affascinanti. Nel corso dei secoli Padova si è rivelata una città centrale per la cultura e la storia italiana. Questo libro cerca di svelarne nuovi aspetti raccontando tante piccole storie nascoste dietro quella più ufficiale. Dalla Padova prima che fosse Padova dei Veneti antichi, ai condottieri che l’hanno attraversata, come il principe spartano Cleonimo e in seguito Attila.

In queste pagine si potrà rileggere il destino di tiranni sanguinari come Ezzelino, guerrieri impavidi come Stefano di Transilvania, si scopriranno i segreti che celano tele di capolavori che il mondo c’invidia, opere d’arte trafugate, ritrovate, recuperate. Ma troveranno spazio anche Ruzante, Palladio, Foscolo, in aspetti inediti. Nel Lazzaretto patavino prenderanno forma storie di stregoneria, sarà possibile immedesimarsi in uno studente forestiero del Cinquecento; verranno a galla le condizioni dei reclusi nella Casa di Forza di un tempo, e delle cosiddette donne di malaffare. Uno spaccato socialeutile per raccontare la città attraverso il suo ventre molle. È una Padova multiforme, dai mille volti, quella che Silvia Gorgi ci presenta, che miscela arte e umanesimo, scienza e magia, povertà e ricchezza, politica e potere, e in cui Joyce analizza il Rinascimento, Boccioni definisce la sua poetica, innamorandosi, e la morte di Berlinguer apre un giallo. Una Padova che, nella storia passata, trova le radici per costruire il suo futuro.

Foto by Damiano Xodo