2.500 euro per la migliore tesi di laurea sull’Innovazione Digitale

28 Febbraio 2019 Associazione Alumni_editor Categories news

L’Università degli Studi di Padova, in collaborazione con l’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova e in seguito al finanziamento devoluto dall’Associazione Luca Ometto, bandisce un concorso per l’assegnazione di un Premio di laurea intitolato alla memoria di Luca Ometto, dell’ammontare di 2500 euro.

A chi è indirizzato? Il premio è riservato ai laureati magistrali e a ciclo unico dell’Ateneo Patavino, che abbiano conseguito il titolo dal 1 gennaio 2015 al 31 maggio 2019 (data scadenza del Bando) e che abbiano redatto una tesi inerente l’innovazione digitale di processi, prodotti e pratiche manageriali, nei settori manifatturieri, industriali e dei servizi.

La domanda di partecipazione al concorso dovrà pervenire entro il termine perentorio del 31 maggio 2019.

Tutti i dettagli sul premio e le modalità di partecipazione sono consultabili alla pagina di Ateneo dedicata ai Bandi per laureati.

In ricordo di Luca Ometto

Il Premio intitolato a Luca Ometto ha lo scopo di mantenere vivo il ricordo del giovane imprenditore padovano, mancato precocemente a causa di un glioblastoma.

Luca Ometto è stato un precursore nel mondo dell’e-commerce: insignito del Premio Volpato-Menato 2016 per le sue capacità visionarie e imprenditoriali, fondatore di Webster srl.

Con questo Bando l’intento è quello di premiare quelle idee innovative che si distinguono per la capacità e la forza di aprire nuove strade in tutti i settori della società e dell’economia.

L’Associazione Luca Ometto, fondata dalla sorella, Valentina Ometto, ha come mission il sostegno alla ricerca scientifica sulla neoplasia, con lo scopo di migliorare l’efficacia dei trattamenti e la qualità di vita dei pazienti colpiti da questa malattia.

Scarica il Bando in formato pdf a questo link.

 

Articoli che potrebbero interessarti:

Bando di concorso per l’assegnazione del Premio di studio intitolato a “Elena Lucrezia Cornaro Piscopia Università degli Studi di Padova”

Condividi