fbpx
Sviluppare computer quantistici con qubits superconduttori

Evento online - 10 Febbraio 2021 - 17:00

Sviluppare computer quantistici con qubits superconduttori

Sfide ed emozioni nel realizzare la tecnologia del futuro

La computazione quantistica

Negli ultimi decenni abbiamo assistito alla costante crescita della capacità di analizzare dati grazie a dispositivi sempre più piccoli e potenti. Alcuni problemi di interesse generale, tuttavia, sono considerati impossibili da risolvere anche per le future generazioni di supercomputer.

La computazione quantistica promette invece di risolvere alcuni di questi problemi in modo efficace: simulazioni che richiederebbero anni o millenni con un computer classico potrebbero essere risolte in minuti od ore con un computer quantistico! L’idea di base di un computer quantistico è di elaborare l’informazione utilizzando non le leggi della meccanica classica, ma della meccanica quantistica.

I sistemi fisici per implementare un computer quantistico

Una simile ipotesi, nata come curiosità scientifica di fisici e ingegneri, raccoglieva fin da subito delle perplessità, soprattutto per la difficoltà nel creare un sistema quantistico controllato con il livello di precisione necessario per realizzare un computer quantistico universale. Al giorno d’oggi, invece, i progressi scientifici e tecnologici promettono le prime applicazioni pratiche in questo campo anche a breve termine.

Al webinar “Sviluppare computer quantistici con qubits superconduttori“, organizzato dall’Associazione Alumni dell’Università degli Studi di Padova e dal Chapter Alumni San Francisco & Bay Area, il keynote Stefano Poletto farà un’introduzione alla computazione quantistica presentando una panoramica dei più promettenti sistemi fisici per la realizzazione di un processore quantistico, per soffermarsi poi sui computer quantistici superconduttori, considerati uno dei sistemi più promettenti.

Lo accompagneranno il prof. Paolo Villoresi che presenterà il Centro di Tecnologie Quantistiche del nostro Ateneo e il prof. Simone Montangero, per una riflessione sull’uso del calcolo quantistico e le attività svolte a Padova.

Partecipazione

Il webinar si terrà tramite Piattaforma Zoom il giorno mercoledì 10 febbraio 2021, alle ore 17.00.

L’incontro è libero e gratuito e si terrà sulla piattaforma di online conferencing gratuita Zoom; per ottenere il link è sufficiente cliccare il pulsante “Ottieni il link” e compilare il rispettivo modulo di adesione.

 

Programma

Leggi il programma

17:00 | Saluti iniziali e Introduzione

Andrea Vinelli, Presidente Associazione Alumni dell'Università degli Studi di Padova
Andrea Casotto, Presidente Chapter San Francisco & Bay Area dell'Associazione Alumni dell'Università di Padova, Chief Scientist Altair Engineering

Sviluppare computer quantistici con qubits superconduttori

Introduce
Paolo Villoresi, Professore di Fisica e Direttore del Padua Quantum Tecnologies Reseach Center, Università degli Studi di Padova

Keynote speaker
Stefano Poletto, Lead Quantum Engineer e Senior manager of Quantum Engineering, Rigetti computing

Interviene
Simone Montangero, Professore di Fisica, Università degli Studi di Padova

Conclusioni

Nicolò Spiezia, Consigliere Associazione Alumni dell’Università di Padova, membro del Board of Directors del San Francisco & Bay Area Chapter, CEO M3E S.r.l.

Premio di studio “Luca Ometto”

L’incontro sarà anche occasione per presentare il Premio di studio “Luca Ometto” per l’innovazione digitale, organizzato dall’Associazione Alumni dell’Università di Padova e dall’Associazione Luca Ometto ONLUS, congiuntamente all’Ateneo di Padova e al suo Centro per la Connettività e i Servizi al Territorio VSIX, e all’I-Center di Padova. Il Premio, dell’importo di 2.500 € è rivolto a chi abbia conseguito presso l’Università di Padova un titolo di Laurea Magistrale/Magistrale a Ciclo Unico e abbia condotto un progetto o tesi sperimentale sul tema delle tecnologie abilitanti.

Keynote speaker: Stefano Poletto

Leggi di più su Stefano Poletto

Stefano Poletto si laurea in Fisica nel 2003 all'Università di Padova, con una tesi sperimentale in computazione quantistica con superconduttori; prosegue gli interessi di ricerca con un dottorato in computazione quantistica con superconduttori all’Università di Roma Tre, in collaborazione con l'Università La Sapienza e il CNR di Roma.

Dal 2007 al 2011 lavora come ricercatore post-doc nel gruppo del Professor A.V. Ustinov ad Erlangen-Nürnberg e Karlsruhe, uno dei primi gruppi di ricerca tedeschi a lavorare con dispositivi superconduttori per computer quantistici; i tre anni successivi, continuerà il lavoro di ricerca nel gruppo sperimentale di computazione quantistica con dispositivi superconduttori all'IBM Thomas J. Watson Research Center di New York.

Dal 2014 al 2018 lavora nel gruppo di L. DiCarlo per il QuTech Research Center della Delft University of Technology, nei Paesi Bassi, e collabora con la “Intel Quantum Division” nello sviluppo di dispositivi superconduttori per la realizzazione di processori quantistici basati su architetture universali. Da allora fino ad oggi, è Lead Quantum Engineer e Senior manager of Quantum Engineering a Rigetti computing, startup della Bay Area della California che si occupa di computer quantistici con dispositivi superconduttori.

 

 

Potrebbe interessarti anche

Premio Luca Ometto

Condividi